skip to Main Content

Telefono

06 5294338

Email

info@sunmedgroup.it

Orario di apertura

Lunedì-Venerdì
9:00-20:00

Indirizzo

Piazza del Sole 1-5
00144 Roma

    Inviando il presente modulo di contatto acconsento al trattamento dei dati personali trasmessi ai sensi dell'art. 13 del GDPR. Informativa ex art.10 legge n. 196/2003. Per ulteriori informazioni, consulta la privacy policy

    06 5294338 info@sunmedgroup.it Direttore sanitario: Dott. Scarso Paolo | Amministratore: Dott. Cartelli Alessandro
    Cause Ipotiroidismo

    Quali sono le cause dell’ipotiroidismo?

    Quando la tiroide non produce abbastanza ormoni, l’equilibrio delle reazioni chimiche nel tuo corpo può essere sconvolto. Le cause possono essere numerose, tra cui malattie autoimmuni, trattamenti per l’ipertiroidismo, radioterapia, chirurgia della tiroide e alcuni farmaci.

    La tiroide è una piccola ghiandola a forma di farfalla situata alla base della parte anteriore del collo, appena sotto il pomo d’Adamo. Gli ormoni prodotti dalla tiroide, triiodotironina (T3) e tiroxina (T4), hanno un enorme impatto sulla salute, influenzando tutti gli aspetti del metabolismo. Questi ormoni influenzano anche il controllo delle funzioni vitali, come la temperatura corporea e la frequenza cardiaca.

    L’ipotiroidismo si verifica quando la ghiandola tiroidea non riesce a produrre abbastanza ormoni. L’ipotiroidismo può essere dovuto a una serie di fattori, tra cui:

    • Malattia autoimmune. La causa più comune di ipotiroidismo è una malattia autoimmune nota come tiroidite di Hashimoto. Le malattie autoimmuni si verificano quando il sistema immunitario produce anticorpi che attaccano i propri tessuti. A volte questo processo coinvolge la ghiandola tiroidea. Gli scienziati non sono sicuri del motivo per cui ciò accade, ma è probabile che sia una combinazione di fattori, come i geni e un fattore ambientale scatenante. Comunque accada, questi anticorpi influenzano la capacità della tiroide di produrre ormoni.
    • Risposta eccessiva al trattamento dell’ipertiroidismo. Le persone che producono troppo ormone tiroideo (ipertiroidismo) sono spesso trattate con iodio radioattivo o farmaci anti-tiroide. L’obiettivo di questi trattamenti è riportare la funzione tiroidea alla normalità. Ma a volte, correggere l’ipertiroidismo può finire per abbassare troppo la produzione di ormoni tiroidei, con conseguente ipotiroidismo permanente.
    • Chirurgia tiroidea. La rimozione di tutta o gran parte della ghiandola tiroidea può ridurre o arrestare la produzione di ormoni. In tal caso, si deve assumere l’ormone tiroideo per tutta la vita.
    • Radioterapia. Le radiazioni usate per trattare i tumori della testa e del collo possono influenzare la ghiandola tiroidea e possono portare a ipotiroidismo.
    • Farmaci. Un certo numero di farmaci può contribuire all’ipotiroidismo. Uno di questi farmaci è il litio, che viene usato per trattare alcuni disturbi psichiatrici. Se stai assumendo farmaci, chiedi al tuo medico dei suoi effetti sulla ghiandola tiroidea.

    Meno spesso, l’ipotiroidismo può derivare da:

    • Malattia congenita. Alcuni bambini nascono con una ghiandola tiroidea difettosa o senza ghiandola tiroidea. Nella maggior parte dei casi, la ghiandola tiroidea non si è sviluppata normalmente per ragioni sconosciute, invece alcuni bambini hanno una forma ereditaria del disturbo. Spesso i neonati con ipotiroidismo congenito appaiono normali alla nascita. Questo è uno dei motivi per cui oggi spesso si richiede lo screening della tiroide neonatale.
    • Disturbo ipofisario. Una causa relativamente rara di ipotiroidismo è l’incapacità della ghiandola pituitaria di produrre una quantità sufficiente di ormone stimolante tiroideo (TSH), di solito a causa di un tumore benigno della ghiandola pituitaria.
    • Gravidanza. Alcune donne sviluppano ipotiroidismo durante o dopo la gravidanza (ipotiroidismo postpartum), spesso perché producono anticorpi contro la propria ghiandola tiroidea. Se non trattato, l’ipotiroidismo aumenta il rischio di aborto spontaneo, parto prematuro e preeclampsia, una condizione che causa un aumento significativo della pressione sanguigna di una donna durante gli ultimi tre mesi di gravidanza. Può anche influenzare seriamente il feto in via di sviluppo.
    • Carenza di iodio. La traccia minerale di iodio, che si trova principalmente nei frutti di mare, nelle alghe, nelle piante coltivate in terreni ricchi di iodio e nel sale iodato, è essenziale per la produzione di ormoni tiroidei. Troppo poco iodio può portare a ipotiroidismo e troppo iodio può peggiorare l’ipotiroidismo nelle persone che già hanno questa condizione. In alcune parti del mondo, la carenza di iodio è comune, ma l’aggiunta di iodio al sale da cucina ha praticamente eliminato questo problema.

    Fattori di rischio

    Sebbene chiunque possa sviluppare l’ipotiroidismo, ecco quali sono i fattori di rischio:

    • Essere una donna
    • Avere più di 60 anni
    • Avere una storia familiare di malattie della tiroide
    • Avere una malattia autoimmune, come il diabete di tipo 1 o la celiachia
    • Essere stati trattati con iodio radioattivo o farmaci anti-tiroide
    • Ricevere radiazioni al collo o alla parte superiore del torace
    • Avere subito un intervento chirurgico alla tiroide (tiroidectomia parziale)
    • Essere stata incinta o aver partorito negli ultimi sei mesi

    Complicazioni

    L’ipotiroidismo non trattato può portare a una serie di problemi di salute:

    • Gozzo. La stimolazione costante della tiroide per rilasciare più ormoni può far aumentare la ghiandola, una condizione nota come gozzo. Esso può influenzare l’aspetto e può interferire con la deglutizione o la respirazione.
    • Problemi di cuore. L’ipotiroidismo può anche essere associato a un aumento del rischio di malattie cardiache e insufficienza cardiaca, principalmente perché alti livelli di colesterolo delle lipoproteine ​​a bassa densità (LDL), il colesterolo “cattivo”, possono verificarsi nelle persone con una tiroide ipoattiva.
    • Problemi di salute mentale. La depressione può manifestarsi precocemente nell’ipotiroidismo e può diventare più grave nel tempo. L’ipotiroidismo può causare anche un rallentamento del funzionamento mentale.
    • Neuropatia periferica. L’ipotiroidismo incontrollato a lungo termine può causare danni ai nervi periferici. Questi sono i nervi che trasportano le informazioni dal cervello e dal midollo spinale al resto del corpo, ad esempio braccia e gambe. La neuropatia periferica può causare dolore, intorpidimento e formicolio nelle aree colpite.
    • Mixedema. Questa condizione rara e pericolosa per la vita è il risultato di un ipotiroidismo a lungo termine non diagnosticato. I suoi segni e sintomi includono intensa intolleranza al freddo e sonnolenza seguiti da profonda letargia e incoscienza. Un coma mixedema può essere innescato da sedativi, infezioni o altre cause di stress sul corpo. Se hai segni o sintomi di mixedema, hai bisogno di cure mediche immediate.
    • Infertilità. Bassi livelli di ormone tiroideo possono interferire con l’ovulazione, che compromette la fertilità. Inoltre, anche alcune delle cause dell’ipotiroidismo, come il disturbo autoimmune, possono compromettere la fertilità.
    • Difetti di nascita. I bambini nati da donne con malattie della tiroide non trattate possono avere un rischio maggiore di difetti alla nascita rispetto ai bambini nati da madri sane. Questi bambini sono anche più inclini a gravi problemi intellettuali e di sviluppo. I neonati con ipotiroidismo non trattato presente alla nascita sono a rischio di gravi problemi di sviluppo sia fisico che mentale. Ma se questa condizione viene diagnosticata entro i primi mesi di vita, le possibilità di uno sviluppo normale sono eccellenti.
    Back To Top