skip to Main Content

Telefono

06 5294338

Email

info@sunmedgroup.it

Orario di apertura

Lunedì-Venerdì
9:00-20:00

Indirizzo

Piazza del Sole 1-5
00144 Roma

    Inviando il presente modulo di contatto acconsento al trattamento dei dati personali trasmessi ai sensi dell'art. 13 del GDPR. Informativa ex art.10 legge n. 196/2003. Per ulteriori informazioni, consulta la privacy policy

    06 5294338 info@sunmedgroup.it Direttore sanitario: Dott. Scarso Paolo | Amministratore: Dott. Cartelli Alessandro
    Difficolta A Deglutire

    Difficoltà a deglutire? Ecco le cause

    Difficoltà a deglutire (disfagia) significa che ci vuole più tempo e fatica per spostare cibo o liquidi dalla bocca allo stomaco. La disfagia può anche essere associata al dolore. In alcuni casi, la deglutizione potrebbe essere impossibile.

    La difficoltà occasionale a deglutire, che può verificarsi quando si mangia troppo velocemente o non si mastica abbastanza bene, di solito non è motivo di preoccupazione. Ma la disfagia persistente può indicare una grave condizione medica che richiede un trattamento.

    La disfagia può verificarsi a qualsiasi età, ma è più comune negli anziani. Le cause dei problemi di deglutizione variano e il trattamento dipende dalla causa.

    Sintomi

    Segni e sintomi associati alla disfagia possono includere:

    • Avere dolore durante la deglutizione (odinofagia)
    • Non essere in grado di deglutire
    • Avere la sensazione che il cibo rimanga bloccato in gola o nel petto o dietro lo sterno
    • Sbavare
    • Raucedine
    • Rigurgito
    • Avere frequenti bruciori di stomaco
    • Avere cibo o acido gastrico in gola
    • Perdere peso inaspettatamente
    • Tosse o vomito durante la deglutizione
    • Dover tagliare il cibo in pezzi più piccoli o evitare determinati cibi a causa di difficoltà a deglutire

    Quando vedere un dottore

    Rivolgiti al medico se hai regolarmente difficoltà a deglutire o se la perdita di peso, il rigurgito o il vomito accompagnano la tua disfagia.

    Se un’ostruzione interferisce con la respirazione, chiamare immediatamente i soccorsi. Se non riesci a deglutire perché senti che il cibo è bloccato in gola o nel petto, vai al pronto soccorso più vicino.

    Cause

    La deglutizione è processo complesso e una serie di condizioni può interferire con esso. A volte la causa della disfagia non può essere identificata. Tuttavia, la disfagia generalmente rientra in una delle seguenti categorie.

    Disfagia esofagea

    La disfagia esofagea si riferisce alla sensazione di cibo che si attacca o rimane appeso alla base della gola o nel petto dopo che hai iniziato a deglutire. Alcune delle cause della disfagia esofagea includono:

    • Acalasia. Quando il muscolo esofageo inferiore (sfintere) non si rilassa adeguatamente per far entrare il cibo nello stomaco, potrebbe farti riportare il cibo in gola. Anche i muscoli della parete dell’esofago possono essere deboli, una condizione che tende a peggiorare nel tempo.
    • Spasmo diffuso. Questa condizione produce contrazioni multiple ad alta pressione e scarsamente coordinate del tuo esofago, di solito dopo aver deglutito. Lo spasmo diffuso colpisce i muscoli involontari delle pareti dell’esofago inferiore.
    • Stenosi esofagea. Un esofago ristretto (stenosi) può intrappolare grandi pezzi di cibo. I tumori o il tessuto cicatriziale, spesso causati dalla malattia da reflusso gastroesofageo (GERD), possono causare il restringimento.
    • Tumori esofagei. La difficoltà a deglutire tende a peggiorare progressivamente quando sono presenti tumori esofagei.
    • Corpi estranei. A volte il cibo o un altro oggetto possono bloccare parzialmente la gola o l’esofago. Gli anziani con protesi dentaria e le persone che hanno difficoltà a masticare il cibo possono avere maggiori probabilità di avere un pezzo di cibo che si incastra nella gola o nell’esofago.
    • Anello esofageo. Una sottile area di restringimento nell’esofago inferiore può causare a intermittenza difficoltà a deglutire cibi solidi.
    • GERD. I danni ai tessuti esofagei causati dall’acido gastrico che risale nell’esofago possono causare spasmi o cicatrici e restringimento dell’esofago inferiore.
    • Esofagite eosinofila. Questa condizione, che può essere correlata a un’allergia alimentare, è causata da una sovrappopolazione di cellule chiamate eosinofili nell’esofago.
    • Sclerodermia. Lo sviluppo di tessuto simile a una cicatrice, che causa l’irrigidimento e l’indurimento dei tessuti, può indebolire lo sfintere esofageo inferiore, consentendo all’acido di risalire nell’esofago e causare frequenti bruciori di stomaco.
    • Radioterapia. Questo trattamento del cancro può portare a infiammazioni e cicatrici dell’esofago.

    Disfagia orofaringea

    Alcune condizioni possono indebolire i muscoli della gola, rendendo difficile spostare il cibo dalla bocca alla gola e all’esofago quando inizi a deglutire. Potresti soffocare o tossire quando cerchi di deglutire o avere la sensazione di cibo o liquidi che scendono lungo la trachea o nel naso. Questo può portare a polmonite.

    Le cause della disfagia orofaringea includono:

    • Disordini neurologici. Alcuni disturbi, come la sclerosi multipla, la distrofia muscolare e il morbo di Parkinson, possono causare disfagia.
    • Danno neurologico. Un danno neurologico improvviso, come un ictus o una lesione al cervello o al midollo spinale, può influire sulla capacità di deglutire.
    • Diverticolo faringoesofageo (diverticolo di Zenker). Una piccola sacca che forma e raccoglie particelle di cibo nella gola, spesso appena sopra l’esofago, causa difficoltà a deglutire, gorgoglii, alitosi e raucedine o tosse della gola.
    • Cancro. Alcuni tipi di cancro e alcuni trattamenti contro il cancro, come le radiazioni, possono causare difficoltà a deglutire.

    Fattori di rischio

    I seguenti sono fattori di rischio per la disfagia:

    • Invecchiamento. A causa del naturale invecchiamento e della normale usura dell’esofago e di un maggior rischio di determinate condizioni, come l’ictus o il morbo di Parkinson, gli anziani sono a maggior rischio di difficoltà di deglutizione. Ma la disfagia non è considerata un normale segno di invecchiamento.
    • Determinate condizioni di salute. Le persone con determinati disturbi neurologici o del sistema nervoso hanno maggiori probabilità di avere difficoltà a deglutire.

    Complicazioni

    La difficoltà a deglutire può portare a:

    • Malnutrizione, perdita di peso e disidratazione. La disfagia può rendere difficile l’assunzione di nutrimento e liquidi adeguati.
    • Polmonite da aspirazione. Il cibo o il liquido che entra nelle vie aeree quando cerchi di deglutire può causare polmonite da aspirazione, perché il cibo può introdurre batteri nei polmoni.
    • Soffocamento. Quando il cibo si blocca in gola, può verificarsi il soffocamento. Se il cibo blocca completamente le vie aeree e nessuno interviene con una manovra di Heimlich riuscita, può verificarsi la morte.

    Prevenzione

    Sebbene le difficoltà di deglutizione non possano essere prevenute, puoi ridurre il rischio di difficoltà occasionali a deglutire mangiando lentamente e masticando bene il cibo. La diagnosi precoce e il trattamento efficace della GERD possono ridurre il rischio di sviluppare disfagia associata a una stenosi esofagea.

     

    Back To Top