skip to Main Content

Telefono

06 5294338

Email

info@sunmedgroup.it

Orario di apertura

Lunedì-Venerdì
9:00-20:00

Indirizzo

Piazza del Sole 1-5
00144 Roma

    Inviando il presente modulo di contatto acconsento al trattamento dei dati personali trasmessi ai sensi dell'art. 13 del GDPR. Informativa ex art.10 legge n. 196/2003. Per ulteriori informazioni, consulta la privacy policy

    06 5294338 info@sunmedgroup.it Direttore sanitario: Dott. Scarso Paolo | Amministratore: Dott. Cartelli Alessandro
    Disturbi Del Metabolismo Lipidico

    Disturbi del metabolismo lipidico

    I lipidi sono grandi molecole insolubili in acqua che hanno una varietà di funzioni biologiche, tra cui immagazzinare energia e servire come componenti di membrane cellulari e delle lipoproteine. Le cellule che rivestono l’intestino tenue assorbono lipidi alimentari e li elaborano in particelle di lipoproteine che entrano nella circolazione attraverso il sistema linfatico per l’eventuale assorbimento da parte del fegato. I trigliceridi, il colesterolo e le vitamine liposolubili vengono trasportati attraverso il sangue da queste particelle di lipoproteine.

    Le principali classi di lipoproteine sono chilomicroni, lipoproteine a bassissima densità (VLDL), lipoproteine a densità intermedia (IDL), lipoproteine a bassa densità (LDL) e lipoproteine ad alta densità (HDL). I disturbi che influenzano il metabolismo lipidico possono essere causati da difetti nelle proteine strutturali delle lipoproteine, nei recettori cellulari che riconoscono i vari tipi di lipoproteine, o negli enzimi che degradano i grassi. Come risultato di tali difetti, i lipidi possono depositarsi nelle pareti dei vasi sanguigni, cosa che può portare ad aterosclerosi (una malattia caratterizzata da ispessimento e indurimento delle pareti delle arterie).

    L’ipercolesterolemia familiare è una malattia autosomica dominante che è causata dalla deficienza del recettore LDL sulla superficie delle cellule del fegato e altri organi. Come risultato, il colesterolo non viene spostato nelle cellule. In condizioni normali, quando abbastanza colesterolo è presente nella cellula,    cessa la sintesi del colesterolo. Invece, nella ipercolesterolemia familiare la produzione di colesterolo aumenta. La malattia è caratterizzata da una malattia coronarica vascolare precoce, ictus e depositi di grasso sui tendini. I livelli di colesterolo nel sangue sono molto alti fin dalla nascita, e anche il colesterolo LDL è elevato. Il trattamento consiste in una dieta a basso contenuto di colesterolo e in farmaci che inibiscono la sintesi del colesterolo o che ne aumentano la secrezione nel tratto gastrointestinale.

    Se una persona con ipercolesterolemia familiare è omozigote per questa condizione, la malattia vascolare grave inizia nella prima infanzia e gli attacchi di cuore sono solito all’età di 20 anni. Sintomi simili sono presenti in dysbetalipoproteinemia familiare (hyperlipoproteinemia di tipo III), che può essere ereditata come autosomica recessiva o autosomica dominante (vale a dire, se il tratto è stato ereditato da entrambi i genitori). In questo disturbo, che si manifesta in età adulta, un aumento del colesterolo e dei trigliceridi nel sangue avviene a causa di una anomalia di un componente delle lipoproteine chiamato apoprotein E. Il trattamento è simile a quello richiesto per l’ipercolesterolemia familiare.

    La carenza della proteina di trasferimento microsomiale provoca abetalipoproteinemia, una condizione autosomica recessiva caratterizzata dalla quasi totale assenza di VLDL e LDL. I trigliceridi si accumulano nel tratto gastrointestinale e nel fegato, e ci sono bassi livelli di colesterolo, colesterolo HDL e trigliceridi. Le persone con abetalipoproteinemia hanno un grave malassorbimento dei grassi e sviluppano sintomi neurologici, tra cui un’andatura instabile, difetti della retina e danni al sistema nervoso a causa della carenza di vitamina E.

    Back To Top