skip to Main Content

Telefono

06 5294338

Email

info@sunmedgroup.it

Orario di apertura

Lunedì-Venerdì
9:00-20:00

Indirizzo

Piazza del Sole 1-5
00144 Roma

    Inviando il presente modulo di contatto acconsento al trattamento dei dati personali trasmessi ai sensi dell'art. 13 del GDPR. Informativa ex art.10 legge n. 196/2003. Per ulteriori informazioni, consulta la privacy policy

    06 5294338 info@sunmedgroup.it Direttore sanitario: Dott. Scarso Paolo | Amministratore: Dott. Cartelli Alessandro
    Sepsi Sintomi Cause

    Sintomi e cause della sepsi

    La sepsi è la complicazione di un’infezione, le cui conseguenze possono essere molto gravi e potenzialmente letali. Consiste in una risposta infiammatoria eccessiva dell’organismo a un’infezione generalizzata che danneggia tessuti e organi compromettendone il funzionamento.

    La sepsi può evolvere in shock settico. Si tratta di un drastico calo della pressione sanguigna che può portare a gravi problemi agli organi e alla morte.

    Il trattamento precoce con antibiotici e liquidi per via endovenosa migliora le possibilità di sopravvivenza.

    Sintomi

    Segni e sintomi di sepsi

    Per avere una diagnosi di sepsi, devi avere un’infezione probabile o confermata e tutti i seguenti segni:

    • Cambiamento dello stato mentale
    • Pressione sanguigna sistolica (il primo numero in una lettura della pressione sanguigna) inferiore o uguale a 100 millimetri di mercurio (mm Hg)
    • Frequenza respiratoria maggiore o uguale a 22 respiri al minuto

    Segni e sintomi di shock settico

    Lo shock settico è un grave calo della pressione sanguigna che provoca problemi nel modo in cui le cellule funzionano e producono energia. La progressione verso lo shock settico aumenta il rischio di morte. I segni di progressione verso lo shock settico includono:

    • La necessità di farmaci per mantenere la pressione sanguigna sistolica maggiore o uguale a 65 mm Hg.
    • Alti livelli di acido lattico nel sangue. Avere troppo acido lattico nel sangue significa che le cellule non utilizzano l’ossigeno correttamente.

    Quando vedere un dottore

    Molto spesso, la sepsi si verifica in persone ricoverate in ospedale. Le persone ricoverate in un’unità di terapia intensiva hanno maggiori probabilità di sviluppare infezioni che possono poi portare alla sepsi.

    Qualsiasi infezione, tuttavia, potrebbe portare alla sepsi. Rivolgiti al medico per un’infezione o una ferita che non ha risposto al trattamento. Segni o sintomi, come confusione o respiro accelerato, richiedono cure di emergenza.

    Cause

    Qualsiasi tipo di infezione (batterica, virale o fungina) può portare alla sepsi, ma quelle che più comunemente provocano la sepsi includono infezioni di:

    • Polmoni, come la polmonite
    • Rene, vescica e altre parti del sistema urinario
    • Apparato digerente
    • Circolazione sanguigna (batteriemia)
    • Siti del catetere
    • Ferite o ustioni

    Fattori di rischio

    Diversi fattori aumentano il rischio di sepsi, tra cui:

    • Età avanzata
    • Infanzia
    • Sistema immunitario compromesso
    • Diabete
    • Malattia renale o epatica cronica
    • Ricovero in unità di terapia intensiva o degenze ospedaliere più lunghe
    • Dispositivi invasivi, come cateteri endovenosi o tubi respiratori
    • Uso precedente di antibiotici o corticosteroidi

    Complicazioni

    Man mano che la sepsi peggiora, il flusso sanguigno che va agli organi vitali, come cervello, cuore e reni, diventa compromesso. La sepsi può causare una coagulazione del sangue anomala che si traduce in piccoli coaguli o rottura di vasi sanguigni che danneggiano o distruggono i tessuti.

    La maggior parte delle persone guarisce da una sepsi lieve, ma il tasso di mortalità per shock settico è di circa il 40%. Inoltre, un episodio di sepsi grave ti espone a un rischio maggiore di future infezioni.

    Back To Top