skip to Main Content

Telefono

06 5294338

Email

info@sunmedgroup.it

Orario di apertura

Lunedì-Venerdì
9:00-20:00

Indirizzo

Piazza del Sole 1-5
00144 Roma

    Inviando il presente modulo di contatto acconsento al trattamento dei dati personali trasmessi ai sensi dell'art. 13 del GDPR. Informativa ex art.10 legge n. 196/2003. Per ulteriori informazioni, consulta la privacy policy

    06 5294338 info@sunmedgroup.it Direttore sanitario: Dott. Scarso Paolo | Amministratore: Dott. Cartelli Alessandro
    Sintomi Commozione Celebrale

    Quali sono i sintomi della commozione celebrale?

    Una commozione cerebrale è una lesione traumatica alla testa che influisce sulla funzione cerebrale. Gli effetti sono generalmente temporanei ma possono includere mal di testa e problemi di concentrazione, memoria, equilibrio e coordinazione.

    Le commozioni cerebrali solitamente sono causate da un colpo alla testa. Anche lo scuotimento violento della testa e della parte superiore del corpo può causare commozioni cerebrali.

    Alcune commozioni cerebrali fanno perdere conoscenza, ma la maggior parte no.

    Le cadute sono la causa più comune di commozione cerebrale, ma sono comuni anche se si pratica uno sport di contatto, come il calcio o il rugby. La maggior parte delle persone di solito guarisce completamente.

    I sintomi della commozione cerebrale

    I segni e i sintomi di una commozione cerebrale possono essere leggeri e potrebbero non manifestarsi immediatamente. I sintomi possono durare giorni, settimane o anche più a lungo.

    I sintomi comuni dopo una lesione cerebrale traumatica concussiva sono mal di testa, perdita di memoria (amnesia) e confusione. L’amnesia di solito comporta l’oblio dell’evento che ha causato la commozione cerebrale.

    I segni e i sintomi fisici di una commozione cerebrale possono includere:

    • Mal di testa
    • Ronzio nelle orecchie
    • Nausea
    • Vomito
    • Stanchezza o sonnolenza
    • Vista annebbiata

    Altri segni e sintomi di una commozione cerebrale includono:

    • Confusione o sensazione di nebbia
    • Amnesia che riguarda l’evento traumatico
    • Vertigini o “vedere le stelle”

    Un testimone può osservare questi segni e sintomi nella persona colpita da commozione cerebrale:

    • Perdita temporanea di coscienza (anche se non sempre si verifica)
    • Biascicamento
    • Risposta ritardata alle domande
    • Aspetto stordito
    • Dimenticanza, come fare ripetutamente la stessa domanda

    Alcuni possono verificarsi per giorni dopo la lesione, come ad esempio:

    • Poca capacità di concentrazione e disturbi della memoria
    • Irritabilità e altri cambiamenti di personalità
    • Sensibilità alla luce e al rumore
    • Disturbi del sonno
    • Problemi di adattamento psicologico e depressione
    • Disturbi del gusto e dell’olfatto

    Sintomi commozione cerebrale nei bambini

    Il trauma cranico è molto comune nei bambini piccoli. Ma le commozioni cerebrali possono essere difficili da riconoscere nei neonati e nei bambini piccoli perché non possono descrivere come si sentono. Gli indizi di commozione cerebrale possono includere:

    • Aspetto stordito
    • Svogliatezza e stancarsi facilmente
    • Irritabilità
    • Perdita di equilibrio e deambulazione instabile
    • Pianto eccessivo
    • Cambiamenti nel mangiare o nel dormire
    • Mancanza di interesse per i giocattoli preferiti
    • Vomito
    • Convulsioni

    Quando vedere un dottore

    Consultare un medico entro 1 o 2 giorni se:

    • Tu o tuo figlio subite un trauma cranico, anche se non sono necessarie cure di emergenza

    Se tuo figlio non ha segni di un grave trauma cranico, rimane vigile, si muove normalmente e risponde, la lesione è probabilmente lieve e di solito non necessita di ulteriori test.

    In questo caso, se tuo figlio vuole fare un sonnellino, puoi lasciarlo dormire. Se in seguito si sviluppano segni preoccupanti, cercare assistenza di emergenza.

    Cercare assistenza di emergenza per un adulto o un bambino che ha subito un trauma cranico e ha segni e sintomi come:

    • Vomito o nausea ripetuti
    • Una perdita di coscienza che dura più di 30 secondi
    • Un mal di testa che peggiora nel tempo
      Fluido o sangue che drena dal naso o dalle orecchie
    • Disturbi della vista o degli occhi, come pupille più grandi del normale (pupille dilatate) o pupille di dimensioni disuguali
    • Ronzio nelle orecchie che non va via
    • Debolezza alle braccia o alle gambe
    • Apparire molto pallidi per più di un’ora
    • Cambiamenti nel comportamento
    • Confusione o disorientamento, come difficoltà a riconoscere persone o luoghi
    • Discorso impacciato o altri cambiamenti nel discorso
    • Evidente difficoltà con la funzione mentale o la coordinazione fisica
    • Cambiamenti nella coordinazione fisica, come inciampare o goffaggine
    • Convulsioni
    • Vertigini persistenti o ricorrenti
    • Sintomi che peggiorano nel tempo
    • Grandi protuberanze o contusioni su aree diverse dalla fronte nei bambini, specialmente nei bambini sotto i 12 mesi di età

    Cause della commozione cerebrale

    Il cervello ha la consistenza della gelatina. È ammortizzato dagli urti e dai movimenti quotidiani dal liquido cerebrospinale all’interno del cranio.

    Un violento colpo alla testa, al collo o alla parte superiore del corpo può far scivolare il cervello avanti e indietro con forza contro le pareti interne del cranio.

    Anche l’accelerazione o la decelerazione improvvisa della testa, causate da eventi come un incidente automobilistico o l’essere scossi violentemente, possono causare lesioni cerebrali.

    Queste lesioni influenzano la funzione cerebrale, di solito per un breve periodo, provocando segni e sintomi di una commozione cerebrale.

    Questo tipo di lesione cerebrale può portare a sanguinamento all’interno o intorno al cervello, causando sintomi come sonnolenza prolungata e confusione.

    Questi sintomi possono svilupparsi immediatamente o successivamente.

    Tale sanguinamento nel cervello può essere fatale. Ecco perché chiunque subisca una lesione cerebrale deve essere monitorato nelle ore successive e avere cure di emergenza se i sintomi peggiorano.

    Fattori di rischio

    Attività e fattori che possono aumentare il rischio di una commozione cerebrale includono:

    • Caduta, soprattutto nei bambini piccoli e negli anziani
    • Partecipare a uno sport ad alto rischio, come calcio, hockey, rugby, boxe o altri sport di contatto
    • Partecipare a sport ad alto rischio senza un’adeguata attrezzatura di sicurezza e supervisione
    • Essere coinvolti in una collisione con un veicolo a motore
    • Essere coinvolti in un incidente pedonale o in bicicletta
    • Essere un soldato coinvolto in un combattimento
    • Essere vittima di abusi fisici
    • Avere avuto una precedente commozione cerebrale

    Complicazioni

    Le potenziali complicanze della commozione cerebrale includono:

    • Mal di testa post-traumatico. Alcune persone soffrono di mal di testa legati alla commozione cerebrale fino a sette giorni dopo una lesione cerebrale.
    • Vertigini post-traumatiche. Alcune persone provano un senso di vertigini per giorni, settimane o mesi dopo una lesione cerebrale.
    • Sindrome post-commozione cerebrale. Una piccola percentuale di persone (dal 15% al ​​20%) può avere sintomi tra cui mal di testa, vertigini e difficoltà di pensiero che persistono oltre le tre settimane.
    • Effetti cumulativi di più lesioni cerebrali. È attualmente in corso una ricerca attiva per studiare gli effetti di lesioni alla testa ripetute che non causano sintomi (lesioni subconcussive). Al momento, non ci sono prove conclusive che indichino che le lesioni cerebrali ripetute contribuiscano agli effetti cumulativi.
    • Seconda sindrome da impatto. Raramente, il verificarsi di una seconda commozione cerebrale prima che i segni e i sintomi di una prima commozione cerebrale si siano risolti può provocare un gonfiore cerebrale rapido e solitamente fatale.

    È importante che gli atleti non tornino mai allo sport mentre stanno ancora avendo segni e sintomi di una commozione cerebrale.

    Back To Top