skip to Main Content

Telefono

06 5294338

Email

info@sunmedgroup.it

Orario di apertura

Lunedì-Venerdì
9:00-20:00

Indirizzo

Piazza del Sole 1-5
00144 Roma

    Inviando il presente modulo di contatto acconsento al trattamento dei dati personali trasmessi ai sensi dell'art. 13 del GDPR. Informativa ex art.10 legge n. 196/2003. Per ulteriori informazioni, consulta la privacy policy

    06 5294338 info@sunmedgroup.it Direttore sanitario: Dott. Scarso Paolo | Amministratore: Dott. Cartelli Alessandro
    Indigestione (dispepsia) Sintomi E Cause

    Indigestione (dispepsia): sintomi e cause

    Cos’è l’indigestione (dispepsia)?

    L’indigestione, nota anche come dispepsia, è una condizione comune. Può accadere quando il corpo ha difficoltà a digerire il cibo e si verifica nel tratto gastrointestinale. Il tratto gastrointestinale è una sequenza di organi che svolgono un ruolo nella digestione. Chiunque può avere un’indigestione, occasionalmente o può essere un problema persistente. I sintomi e le cause variano a seconda dei casi. Se non è nota una causa di indigestione, si parla di dispepsia funzionale.

    Sintomi dell’indigestione

    L’indigestione può sembrare un mal di stomaco. Può manifestare una serie di sintomi tra cui:

    • dolore, fastidio o sensazione di bruciore al petto o allo stomaco
    • eruttazione
    • gonfiore
    • gorgoglio allo stomaco e/o gas
    • reflusso acido
    • bruciore di stomaco
    • nausea e/o vomito

    È opportuno parlare con il medico se i sintomi persistono per più di due settimane. Cerca immediatamente assistenza medica se i sintomi sono gravi, come ad esempio:

    • fiato corto
    • difficoltà a deglutire
    • vomito
    • vomitare sangue
    • dolore improvviso al petto, al braccio, al collo o alla mascella
    • sudorazione fredda
    • feci spesse, nere o sanguinanti

    Cosa causa l’indigestione?

    Molti fattori possono causare un’indigestione. Questi fattori possono includere:

    • Mangiare determinati cibi che sono difficili da elaborare, come cibi ricchi di spezie, grassi, acidi e/o fibre
    • Mangiare troppo tardi durante la giornata
    • Bere alcool
    • Assumere troppa caffeina
    • Assumere determinati medicinali
    • Una mancanza di sonno

    Anche problemi al tratto gastrointestinale o altri problemi di salute possono causare indigestione. Questi includono:

    • Reflusso acido, reflusso gastroesofageo o malattia da reflusso gastroesofageo: una reazione al cibo e alle bevande in cui il contenuto sale dallo stomaco. L’acido può risalire nell’esofago, l’organo a tubo che collega la bocca e lo stomaco. Il reflusso acido può anche produrre vomito. Questa condizione provoca bruciore di stomaco a causa dell’alto contenuto di acido.
    • Sindrome dell’intestino irritabile: un disturbo che colpisce l’intestino. I sintomi includono mal di stomaco, gonfiore, gas, costipazione e diarrea.
    • Infezione: un’infezione batterica da Helicobacter pylori (H. pylori) può causare indigestione.
    • Gastroparesi: una condizione che influisce sulla digestione. Se i muscoli del tratto gastrointestinale smettono di funzionare, il corpo rallenta o interrompe il movimento del cibo. I sintomi includono nausea, vomito, mal di stomaco, gonfiore e reflusso acido.
    • Ulcera: piaga sul rivestimento dello stomaco (ulcera peptica), dell’intestino tenue o dell’esofago.
    • Gastrite: infiammazione del rivestimento dello stomaco.
    • Cancro allo stomaco: questa è una condizione rara, ma l’indigestione può essere uno dei suoi segni.

    L’indigestione può essere prevenuta o evitata?

    Ci sono modi per prevenire l’indigestione. Per iniziare, si deve conoscere il proprio corpo e come reagisce a cibi e bevande diversi. I cibi piccanti e acidi e le bevande gassate possono scatenare l’indigestione. Cerca di evitare queste cose quando possibile. Mangia pasti più piccoli durante il giorno e non mangiare troppo tardi la sera. Non sdraiarti troppo presto dopo aver mangiato. Limita il consumo di alcol. Se usi il tabacco, prova a smettere. Anche lo stress e la mancanza di sonno possono peggiorare i sintomi.

    Back To Top