skip to Main Content

Telefono

06 5294338

Email

info@sunmedgroup.it

Orario di apertura

Lunedì-Venerdì
9:00-20:00

Indirizzo

Piazza del Sole 1-5
00144 Roma

    Inviando il presente modulo di contatto acconsento al trattamento dei dati personali trasmessi ai sensi dell'art. 13 del GDPR. Informativa ex art.10 legge n. 196/2003. Per ulteriori informazioni, consulta la privacy policy

    06 5294338 info@sunmedgroup.it Direttore sanitario: Dott. Scarso Paolo | Amministratore: Dott. Cartelli Alessandro

    Sintomi di un aneurisma cerebrale

    Un aneurisma cerebrale è un rigonfiamento in un vaso sanguigno nel cervello.

    Un aneurisma cerebrale può fuoriuscire o rompersi, causando sanguinamento nel cervello (ictus emorragico). Molto spesso si verifica nello spazio tra il cervello e i tessuti sottili che ricoprono il cervello. Questo tipo di ictus emorragico è chiamato emorragia subaracnoidea.

    Un aneurisma rotto diventa rapidamente pericoloso per la vita e richiede un trattamento medico tempestivo.

    La maggior parte degli aneurismi cerebrali, tuttavia, non si rompono, ma creano problemi di salute o causano sintomi. Tali aneurismi vengono spesso rilevati durante i test per altre condizioni.

    Il trattamento per un aneurisma cerebrale non rotto può essere appropriato in alcuni casi e può prevenire una rottura in futuro. Parla con il tuo medico per assicurarti di comprendere le migliori opzioni per le tue esigenze specifiche.

    Sintomi

    Aneurisma rotto

    Un improvviso, forte mal di testa è il sintomo chiave di un aneurisma rotto. Questo mal di testa è spesso descritto come il “peggior mal di testa” mai sperimentato.

    Segni e sintomi comuni di un aneurisma rotto includono:

    • Mal di testa improvviso ed estremamente grave
    • Nausea e vomito
    • Torcicollo
    • Visione offuscata o doppia
    • Sensibilità alla luce
    • Crisi
    • Una palpebra cadente
    • Perdita di conoscenza
    • Confusione

    Aneurisma “che perde”

    In alcuni casi, un aneurisma può far fuoriuscire una leggera quantità di sangue. Questa perdita (emorragia sentinella) può causare solo:

    • Mal di testa improvviso ed estremamente grave

    Una rottura più grave spesso segue la perdita.

    Aneurisma non rotto

    Un aneurisma cerebrale non rotto può non produrre sintomi, soprattutto se è piccolo. Tuttavia, un aneurisma non rotto più grande può premere sui tessuti cerebrali e sui nervi, causando probabilmente:

    • Dolore sopra e dietro un occhio
    • Una pupilla dilatata
    • Cambiamento della visione o visione doppia
    • Intorpidimento di un lato del viso

    Quando vedere un dottore

    Rivolgiti immediatamente a un medico se sviluppi un:

    • Mal di testa improvviso ed estremamente grave

    Se sei con qualcuno che si lamenta di un mal di testa improvviso e intenso o che perde conoscenza o ha un attacco, chiama un’ambulanza.

    Cause

    Le cause dell’aneurisma cerebrale sono sconosciute, ma una serie di fattori può aumentare il rischio.

    Fattori di rischio

    Numerosi fattori possono contribuire alla debolezza di una parete arteriosa e aumentare il rischio di aneurisma cerebrale o rottura di aneurisma. Gli aneurismi cerebrali sono più comuni negli adulti che nei bambini e più comuni nelle donne che negli uomini.

    Alcuni di questi fattori di rischio si sviluppano nel tempo; altri sono presenti alla nascita.

    Fattori di rischio che si sviluppano nel tempo

    Questi includono:

    • Età avanzata
    • Fumare sigarette
    • Alta pressione sanguigna (ipertensione)
    • Abuso di droghe, in particolare l’uso di cocaina
    • Consumo elevato di alcol

    Alcuni tipi di aneurismi possono verificarsi dopo un trauma cranico (aneurisma da dissezione) o da determinate infezioni del sangue (aneurisma micotico).

    Fattori di rischio presenti alla nascita

    Condizioni che risalgono alla nascita possono essere associate a un rischio elevato di sviluppare un aneurisma cerebrale. Questi includono:

    • Disturbi ereditari del tessuto connettivo, come la sindrome di Ehlers-Danlos, che indeboliscono i vasi sanguigni
    • Malattia del rene policistico, una malattia ereditaria che provoca sacche piene di liquido nei reni e di solito aumenta la pressione sanguigna
    • Aorta anormalmente stretta (coartazione dell’aorta), il grande vaso sanguigno che trasporta sangue ricco di ossigeno dal cuore al corpo
    • Malformazione artero-venosa cerebrale, una connessione anormale tra arterie e vene nel cervello che interrompe il normale flusso di sangue tra di loro
    • Storia familiare di aneurisma cerebrale, in particolare un parente di primo grado, come un genitore, un fratello, una sorella o un bambino

    Complicazioni

    Quando si rompe un aneurisma cerebrale, l’emorragia di solito dura solo pochi secondi. Il sangue può causare danni diretti alle cellule circostanti e l’emorragia può danneggiare o uccidere altre cellule. Aumenta anche la pressione all’interno del cranio.

    Se la pressione diventa troppo elevata, l’afflusso di sangue e ossigeno al cervello può essere interrotto al punto che può verificarsi la perdita di coscienza o addirittura la morte.

    Le complicazioni che possono svilupparsi dopo la rottura di un aneurisma includono:

    • Risanguinamento. Un aneurisma che si è rotto o fuoriuscito è nuovamente a rischio di sanguinamento. Il risanguinamento può causare ulteriori danni alle cellule cerebrali.
    • Vasospasmo. Dopo la rottura di un aneurisma cerebrale, i vasi sanguigni nel cervello possono restringersi in modo irregolare (vasospasmo). Questa condizione può limitare il flusso sanguigno alle cellule cerebrali (ictus ischemico) e causare ulteriori danni e perdite cellulari.
    • Idrocefalo. Quando la rottura di un aneurisma provoca sanguinamento nello spazio tra il cervello e il tessuto circostante (emorragia subaracnoidea), il sangue può bloccare la circolazione del fluido che circonda il cervello e il midollo spinale (liquido cerebrospinale). Questa condizione può verificarsi in un eccesso di liquido cerebrospinale che aumenta la pressione sul cervello e può danneggiare i tessuti (idrocefalo).
    • Iponatriemia. L’emorragia subaracnoidea da un aneurisma cerebrale rotto può interrompere l’equilibrio del sodio nel sangue. Ciò può verificarsi a causa di un danno all’ipotalamo, un’area vicino alla base del cervello.

    Un calo dei livelli di sodio nel sangue (iponatriemia) può portare a gonfiore delle cellule cerebrali e danni permanenti.

    Back To Top