Telefono

06 5294338

Email

info@sunmedgroup.it

Orario di apertura

Lunedì-Venerdì
9:00-20:00

Indirizzo

Piazza del Sole 1-5
00144 Roma

Inviando il presente modulo di contatto acconsento al trattamento dei dati personali trasmessi ai sensi dell'art. 13 del GDPR. Informativa ex art.10 legge n. 196/2003. Per ulteriori informazioni, consulta la privacy&cookies policy

06 5294338 info@sunmedgroup.it Direttore sanitario: Dott. Scarso Paolo | Amministratore: Dott. Cartelli Alessandro

Fibromialgia: sintomi e cause

Fibromialgia Cause Sintomi

Cos’è la fibromialgia?

La fibromialgia è una malattia cronica o a lungo termine. È associata a dolore diffuso nei muscoli e nelle ossa, aree sensibili e affaticamento generale. Sintomi come questi sono considerati soggettivi, nel senso che non possono essere determinati o misurati dai test. Poiché i suoi sintomi sono soggettivi e non c’è una causa nota, la fibromialgia è spesso mal diagnosticata come un’altra malattia.

Data la mancanza di test oggettivi e riproducibili, alcuni medici mettono in discussione questo disturbo. Anche se è accettato più oggi che in passato, alcuni medici e ricercatori non considerano la fibromialgia una condizione reale. Questo potrebbe aumentare il rischio di depressione, che deriva dalla lotta per ottenere l’accettazione dei sintomi dolorosi.

I ricercatori sono più vicini alla comprensione della fibromialgia, quindi lo stigma che circonda questa condizione sta scomparendo. In passato, molti medici temevano che le persone potessero usare questo dolore non rilevabile come scusa per ottenere antidolorifici. I medici ora stanno scoprendo che i cambiamenti dello stile di vita possono essere più efficaci dei farmaci nel trattamento e nella gestione di questa condizione.

Più i medici iniziano ad accettare questa diagnosi, più è probabile che la comunità medica debba esplorare metodi efficaci per trattare la fibromialgia.

Quali sono i sintomi della fibromialgia?

La fibromialgia è spesso associata a zone sensibili sul tuo corpo dove anche una leggera pressione può causare dolore, chiamati anche punti trigger.

Oggi questi punti trigger sono usati raramente per diagnosticare la fibromialgia. Tuttavia, possono essere usati dai medici per restringere la lista delle possibili diagnosi. I medici usano una combinazione di altri sintomi coerenti – e possibilmente alcuni test medici – per aiutarli a determinare una causa.

Il dolore causato da questi punti trigger può essere descritto come un dolore sordo costante che colpisce molte aree del tuo corpo. Se dovessi provare questo dolore per almeno tre mesi, i medici potrebbero considerare questo un sintomo di fibromialgia.

Le persone con questo disturbo possono anche provare:

  • fatica
  • problemi a dormire
  • dormire per lunghi periodi senza sentirsi riposati
  • mal di testa
  • depressione
  • ansia
  • incapacità di concentrarsi o difficoltà a prestare attenzione
  • dolore o dolore acuto nell’addome inferiore

I sintomi possono essere il risultato di un’interpretazione errata del cervello e dei nervi o di una reazione eccessiva ai normali segnali del dolore. Ciò potrebbe essere dovuto a uno squilibrio chimico nel cervello.

Quali sono i punti trigger?

A una persona veniva diagnosticata la fibromialgia se aveva dolore e sensibilità diffusa in almeno 11 dei 18 punti trigger noti. Per vedere quanti di questi punti erano dolorosi, i medici li premevano con decisione.

I punti trigger comuni includono:

  • dietro la testa
  • in cima alle spalle
  • parte superiore del petto
  • fianchi
  • ginocchia
  • gomiti esterni

I punti trigger non sono più al centro della diagnosi per la fibromialgia. I medici possono fare una diagnosi se lamenti un dolore diffuso per più di tre mesi e non hai nessuna condizione medica diagnosticabile che possa spiegare il dolore.

Che cosa causa la fibromialgia?

Ricercatori e medici non sanno cosa causa la fibromialgia. Tuttavia, grazie a decenni di ricerche, sono vicini alla comprensione dei fattori scatenanti.

Questi fattori includono:

  • Infezioni: le malattie pregresse possono scatenare la fibromialgia o peggiorarne i sintomi.
  • Genetica: la fibromialgia spesso si manifesta in famiglia. Se hai un familiare con questa condizione, il tuo rischio di svilupparlo è più alto. I ricercatori ritengono che alcune mutazioni genetiche possano avere un ruolo in questa condizione. Quei geni non sono stati ancora identificati.
  • Trauma: le persone che subiscono traumi fisici o emotivi possono sviluppare fibromialgia. La condizione è stata collegata al disturbo da stress post-traumatico.
  • Stress: come un trauma, lo stress può creare effetti a lungo termine che il corpo affronta per mesi o anni. Lo stress è stato collegato a disturbi ormonali che potrebbero contribuire alla fibromialgia.

I medici inoltre non comprendono appieno i fattori che inducono le persone a provare il dolore cronico diffuso associato alla condizione. Alcune teorie suggeriscono che potrebbe essere il cervello ad abbassare la soglia del dolore. Ciò che una volta non era doloroso diventa molto doloroso nel tempo.

Un’altra teoria suggerisce che i nervi e i recettori nel corpo diventano più sensibili alla stimolazione. Ciò significa che possono reagire in modo eccessivo ai segnali di dolore e causare dolore inutile o esagerato.