Telefono

06 5294338

Email

info@sunmedgroup.it

Orario di apertura

Lunedì-Venerdì
9:00-20:00

Indirizzo

Piazza del Sole 1-5
00144 Roma

Inviando il presente modulo di contatto acconsento al trattamento dei dati personali trasmessi ai sensi dell'art. 13 del GDPR. Informativa ex art.10 legge n. 196/2003. Per ulteriori informazioni, consulta la privacy&cookies policy

06 5294338 info@sunmedgroup.it Direttore sanitario: Dott. Scarso Paolo | Amministratore: Dott. Cartelli Alessandro

Sintomi della pubalgia

Pubalgia Sintomi

La pubalgia deriva dal mettere troppa tensione sui muscoli dell’inguine e della coscia. Se questi muscoli vengono tesi con troppa forza o troppo repentinamente, possono stirarsi o strapparsi.

La pubalgia è comune nelle persone che praticano sport nei quali si corre e salta molto. Infatti, saltare o cambiare direzione improvvisamente è una probabile causa. Per questo la pubalgia è molto frequente nelle persone che giocano a calcio.

Quali sono i sintomi della pubalgia?

Ecco alcuni sintomi della pubalgia:

  • Dolore e sensibilità all’inguine e interno coscia
  • Dolore quando tieni le gambe unite
  • Dolore quando alzi il ginocchio
  • Una sensazione di strappo durante l’infortunio, seguita da un forte dolore

La pubalgia è divisa in tre gradi di gravità:

  • 1 ° grado: dolore lieve, poca perdita di forza o movimento
  • 2 ° grado: dolore moderato, perdita di forza da lieve a moderata e alcuni danni ai tessuti
  • 3 ° grado: dolore severo, grave perdita di forza e funzionalità a causa di una rottura completa del muscolo

Per diagnosticare la pubalgia, il medico effettuerà un esame fisico approfondito. Potranno essere necessari test come raggi X e la risonanza magnetica per escludere altri problemi.

Tempi di guarigione della pubalgia

Il tempo di recupero dipende dalla gravità della pubalgia. Potrebbero volerci dalle 4 alle 6 settimane, ma questa è solo una stima approssimativa. Le persone guariscono a ritmi diversi.

Nel frattempo, passa a una nuova attività che non mette troppo stress sui tuoi muscoli inguinali. Ad esempio, il nuoto.

Qualunque cosa tu faccia, non affrettare le cose. Non cercare di tornare al tuo vecchio livello di attività fisica fino a quando:

  • Puoi muovere la gamba del lato infortunato con la stessa facilità e libertà dell’altra gamba
  • La gamba del lato infortunato è forte quanto l’altra gamba
  • Non senti dolore quando cammini, fai jogging, poi fai uno sprint e infine salti

Se inizi a sfonzare prima che la pubalgia sia guarita, potresti rischiare di farti male. E se ti strappi ulterioriormente l’inguine, potrà essere più difficile da trattare e richiedere più tempo per guarire. Questo può anche portare a invalidità permanente.

Come posso prevenire la pubalgia?

Dato che la pubalgia può essere dolorosa e debilitante, il miglior consiglio è prevenirla. Dovresti:

  • Riscaldare sempre le gambe e i muscoli inguinali prima dell’attività fisica. È dimostrato che una leggera corsa o altre attività per aumentare la temperatura corporea riducono il rischio di pubalgie.
  • Indossare scarpe con un buon supporto.
  • Aumentare sempre gradualmente l’intensità dell’attività fisica.
  • Interrompere l’esercizio se senti dolore o senso di oppressione all’inguine o all’interno della coscia.
  • Fare esercizi di rafforzamento regolari per i muscoli della coscia, specialmente se hai avuto la pubalgia.

Per ulteriori informazioni, prenota ora un appuntamento online con un nostro specialista.