skip to Main Content
Telefono

06 5294338

Email

info@sunmedgroup.it

Orario di apertura

Lunedì-Venerdì
9:00-20:00

Indirizzo

Piazza del Sole 1-5
00144 Roma

Inviando il presente modulo di contatto acconsento al trattamento dei dati personali trasmessi ai sensi dell'art. 13 del GDPR. Informativa ex art.10 legge n. 196/2003. Per ulteriori informazioni, consulta la privacy&cookies policy

06 5294338 info@sunmedgroup.it Direttore sanitario: Dott. Scarso Paolo | Amministratore: Dott. Cartelli Alessandro

Ipercalcemia: sintomi e cause

Ipercalcemia: Sintomi E Cause

L’ipercalcemia è una condizione in cui il livello di calcio nel sangue è superiore alla norma. Troppo calcio nel sangue può indebolire le ossa, creare calcoli renali e interferire con il funzionamento del cuore e del cervello.

L’ipercalcemia è solitamente il risultato di ghiandole paratiroidi iperattive. Queste quattro piccole ghiandole sono situate dietro la ghiandola tiroidea. Altre cause di ipercalcemia includono il cancro, alcuni altri disturbi medici, alcuni farmaci e l’assunzione di troppi supplementi di calcio e vitamina D.

Segni e sintomi di ipercalcemia variano da inesistente a grave. Il trattamento dipende dalla causa.

Sintomi dell’ipercalcemia

Potresti non avere segni o sintomi se l’ipercalcemia è lieve. I casi più gravi producono segni e sintomi correlati alle parti del corpo colpite dagli alti livelli di calcio nel sangue. Ecco alcuni esempi:

  • Reni. L’eccesso di calcio nel sangue significa che i reni devono lavorare di più per filtrarlo. Questo può causare sete eccessiva e minzione frequente.
  • Apparato digerente. L’ipercalcemia può causare disturbi allo stomaco, nausea, vomito e costipazione.
  • Ossa e muscoli. Nella maggior parte dei casi, il calcio in eccesso nel sangue è stato dilavato dalle ossa, il che le indebolisce. Ciò può causare dolore osseo, debolezza muscolare e depressione.
  • Cervello. L’ipercalcemia può interferire con il funzionamento del cervello, con conseguente confusione, letargia e affaticamento. Può anche causare depressione.
  • Cuore. Raramente, l’ipercalcemia grave può interferire con la funzione cardiaca, causando palpitazioni e svenimenti, indicazioni di aritmia cardiaca e altri problemi cardiaci.

Quando vedere un dottore

Bisogna rivolgersi al proprio medico se si sviluppano segni e sintomi che potrebbero indicare ipercalcemia, come ad esempio avere tantissima sete, urinare frequentemente e avere dolori addominali.

Cause dell’ipercalcemia

Oltre a costruire ossa e denti forti, il calcio aiuta i muscoli a contrarsi e i nervi a trasmettere segnali. Normalmente, se non c’è abbastanza calcio nel sangue, le ghiandole paratiroidi secernono un ormone che induce:

  • le ossa a rilasciare il calcio nel sangue,
  • il tratto digestivo ad assorbire più calcio,
  • i reni a espellere meno calcio e attivare più vitamina D, che svolge un ruolo fondamentale nell’assorbimento del calcio.

Questo delicato equilibrio tra troppo poco calcio nel sangue e ipercalcemia può essere disturbato da una varietà di fattori. L’ipercalcemia è causata da:

  • Ghiandole paratiroidi iperattive. Questa è la causa più comune dell’ipercalcemia. Le ghiandole paratiroidi iperattive (iperparatiroidismo) può essere causato da un piccolo tumore, non canceroso (benigno) o dall’ingrossamento di una o più delle quattro ghiandole paratiroidi.
  • Cancro. Il cancro del polmone e della mammella, così come alcuni tumori del sangue, possono aumentare il rischio di ipercalcemia. Anche la diffusione del cancro (metastasi) alle ossa può aumentare il rischio.
  • Altre malattie. Alcune malattie, come la tubercolosi e la sarcoidosi, possono aumentare i livelli ematici di vitamina D, che stimola il tratto digestivo ad assorbire più calcio.
  • Fattori ereditari. Una rara malattia genetica nota come ipercalcemia ipocalcera familiare provoca un aumento di calcio nel sangue a causa di difettosi recettori di calcio nel corpo. Questa condizione non causa sintomi o complicanze di ipercalcemia.
  • Immobilità. Le persone che hanno una condizione che le induce a trascorrere molto tempo seduti o sdraiati possono sviluppare ipercalcemia. Nel corso del tempo, le ossa che non sopportano il peso, rilasciano calcio nel sangue.
  • Grave disidratazione. Una causa comune di ipercalcemia lieve o transitoria è la disidratazione. Avere meno liquidi nel sangue provoca un aumento delle concentrazioni di calcio.
  • Farmaci. Alcuni farmaci, come il litio, che è usato per trattare il disturbo bipolare, potrebbero aumentare il rilascio dell’ormone paratiroideo.
  • Supplementi. L’assunzione eccessiva di supplementi di calcio o vitamina D nel tempo può aumentare i livelli di calcio nel sangue al di sopra del normale.

Fattori di rischio

Le donne di età superiore a 50 anni sono a più alto rischio di ghiandole paratiroidi iperattive.

Complicazioni

Le complicanze da ipercalcemia possono includere:

  • Osteoporosi. Se le tue ossa continuano a rilasciare calcio nel sangue, puoi sviluppare l’osteoporosi, che può portare a fratture ossee, curvatura della colonna vertebrale e perdita di altezza.
  • Calcoli renali. Se la tua urina contiene troppo calcio, potrebbero formarsi cristalli nei tuoi reni. Nel tempo, i cristalli possono combinarsi per formare calcoli renali che possono causare molto dolore.
  • Insufficienza renale. L’ipercalcemia grave può danneggiare i reni, limitando la loro capacità di purificare il sangue ed eliminare i liquidi.
  • Problemi del sistema nervoso. L’ipercalcemia grave può portare a confusione, demenza e coma, che può essere fatale.
  • Ritmo cardiaco anormale (aritmia). L’ipercalcemia può influenzare gli impulsi elettrici che regolano il battito cardiaco, facendo battere il cuore in modo irregolare.

Prenota una visita online con un nostro specialista per maggiori informazioni.

Back To Top